Siti e-commerce Svizzera
CategoriesEcommerce

La vendita online qui in Svizzera non si ferma e anche quest’anno si prospettano numeri da record. I siti ecommerce, complice la situazione imposta dal Coronavirus, si stanno moltiplicano ovunque nel paese, a Nord come in Canton Ticino. Già a inizio 2020 avevamo dedicato al tema un articolo approfondito, dal titolo Vendere online in Svizzera: come muoversi: in questo post trattavamo le tematiche dell’ecommerce dal punto di vista di chi vuole mettersi in proprio grazie a un negozio online. Oggi spostiamo il focus su un argomento affine, e cioè i siti e-commerce di vendita che sembrano funzionare meglio. La classifica (o meglio, le classifiche) da cui attingeremo sono state pubblicate nel blog della società di analisi Carpathia, e per la precisione in questo articolo uscito a maggio 2021. Ci troviamo di fronte quindi a dati affidabili, che mostrano quali siti ecommerce hanno avuto più successo nel 2019 e 2020 (il metro di giudizio è il fatturato più alto).

Mentre alcuni di questi ecommerce sono dedicati alla sola vendita di prodotti da parte di un marchio, vedi ad esempio Nespresso (al 7° posto) o Ikea (al 13°), altri sono invece portali multimarca, che propongono un vasto assortimento di articoli per l’ufficio, la vita quotidiana, la salute e così via. Nell’immagine qui sotto vediamo la top 15 con i primi posti, in ordine decrescente, degli ecommerce al comando.

I MIGLIORI 5 ECOMMERCE IN SVIZZERA PER IL MERCATO B2B

E quali sono invece i siti ecommerce dedicati al mercato B2B che hanno collezionato i fatturati più alti in questi ultimi due anni? Alcuni nomi potrebbero non dire nulla a un privato cittadino che non compra online da rivenditori professionisti in qualità di business. Ciò non di meno vale la pena digitare i rispettivi url per capire di che cosa stiamo parlando e perché converrebbe studiare ogni singolo caso di successo. Nomi come materiale-elettronico.ch suggeriscono ad esempio l’apprezzamento degli elettricisti (in primis) per l’acquisto online, abitudine tutt’altro che scontata. Mentre Sonepar.ch – quarto posto – evidenzia il peso crescente degli accessori per l’illuminazione e la gestione smart della casa. Idee per vendere B2B? Questa classifica mostra già qualche risposta…

IL CASO ALIEXPRESS E L'ACCORDO DI LIBERO SCAMBIO

Concludiamo questo articolo con il caso Aliexpress, un caso emblematico perché dimostra gli effetti dell’accordo di libero scambio in vigore dal 1° luglio 2014 tra Svizzera e Cina. Un accordo bilaterale che ha dato il via a un progressivo intensificarsi del commercio – anche elettronico – tra i due paesi. Oggi Aliexpress si classifica al 6° posto con un fatturato in franchi svizzeri di 500 milioni nel 2019 e 450 milioni nel 2020. Un’opportunità per comprare online e rivendere i prodotti? Di sicuro il trend non pare volersi arrestare. Negli ultimi paragrafi dell’articolo leggiamo un passaggio che fotografa alla perfezione le attuali dinamiche in atto, lasciando intendere che cosa accadrà in futuro:

Le vendite cumulative dei primi 10 negozi online sono aumentate di nuovo dal 2019 al 2020, di circa 1.015 milioni di franchi, il che significa che i primi 5 e i primi 10 dei rivenditori online svizzeri con il fatturato più alto hanno realizzato più vendite rispetto ai centri commerciali con il fatturato più alto della Svizzera.

A buon intenditor, poche parole!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *